caret-sm-white star-half circle-drag icon-checkmark-nocircle icon-envelope Left Arrow Scroll down Scroll down close Expand Scroll down quote-marks squiggle Play Play Pause Pause long squiggle squiggle 1 close filter-icon Info Compare Compare Selected Information
Nutrizione

Scopri l’alimentazione del runner nella sezione dedicata ai cibi surgelati

Freccia in giù
Freccia in giù

Un nutrizionista consulente dei Brooks Beasts illustra il modo giusto per fare il pieno di energia al reparto surgelati del supermercato.

In tema di alimentazione per i runner, è facile pensare subito a un mucchio di prodotti freschi e biologici, a proteine da animali allevati al pascolo e a contenitori ben organizzati ricolmi di pasti preparati alla perfezione. Ma la realtà è che, per la maggior parte di noi, tempo ed energia non sono beni di cui disponiamo così spesso. Ciò non vuol dire che fare un salto al servizio da asporto più vicino sia la risposta, anzi.

Secondo il dottor Kyle Pfaffenbach, la chiave per la scelta dei pasti, che siano freschi o surgelati, consiste nel sapere di quanti macronutrienti hai bisogno.

Il professore, docente nell’ambito del programma Health and Human Performance presso la Eastern Oregon University e consulente di Brooks Beasts, raccomanda inoltre di variare molto la frutta e la verdura quando si scelgono alimenti surgelati. Ciò significa optare per un pasto ricco di colori.

La prima cosa da tenere in considerazione è il fabbisogno di macronutrienti, che preferisco calcolare in grammi. Esistono raccomandazioni sulle quantità in grammi dei macronutrienti, basate sulla taglia corporea e relative a proteine, grassi e carboidrati. I grammi sono più facili da monitorare ripetto alle calorie. Di solito inizio con le proteine e i grassi, per assicurarmi che siano sufficienti, e poi modulo i carboidrati in base agli allenamenti futuri (vale a dire, una maggior quantità di carboidrati se mi aspetta una corsa lunga o un allenamento impegnativo) ”, afferma il dottor Pfaffenbach.

I salutari frullati

Il Dr. Pfaffenbach ha affermato che lui e la sua famiglia usano il congelatore più che altro per conservare le proteine, ma che tiene sempre a portata di mano della frutta congelata per i frullati occasionali. E aggiunge che la differenza tra frutta e verdura congelata e quella fresca è probabilmente minima. C’è però una cosa da tenere presente.

“Alcune analisi suggeriscono che la frutta e la verdura surgelate possano avere un valore nutrizionale maggiore. La frutta e la verdura surgelate solitamente rimangono sulla pianta più a lungo e di solito sono più mature quando vengono raccolte. Il congelamento consente di preservare vitamine, minerali e micronutrienti.”

L’uso di verdure surgelate in un frullato può essere un’ottima idea, ma è fondamentale utilizzarne il giusto mix. A questo proposito, il dottor Pfaffenbach ha spiegato che “bere” il cibo è di solito meno preferibile che mangiarlo.

“Assumendolo in forma liquida si possono consumare più calorie del previsto e i frullati di solito non fanno sentire sazi, per cui possono esserci degli svantaggi.”

Surgelati: i dati di fatto

Ecco tre consigli del dottor Pfaffenbach da prendere in considerazione la prossima volta che hai in programma di acquistare del cibo surgelato.

  • Sulle etichette degli alimenti, i macronutrienti sono indicati in grammi. Quindi, se una persona conosce i propri obiettivi in termini di grammi di proteine, grassi e carboidrati, è molto facile esaminare e monitorare l’assunzione dei macronutrienti. È più facile ed efficace che calcolare e tenere traccia delle calorie.
  • Guarda sempre l’elenco degli ingredienti, soprattutto se mangi cibi confezionati. Verifica la presenza quantità eccessive di sciroppo di glucosio, fruttosio, acidi grassi trans, oli parzialmente idrogenati e altri additivi da evitare.
  • Cerca le caratteristiche positive presenti sulle etichette, tra cui “biologico”, “privo di antibiotici” e “da allevamenti all’aperto”.

Scopri di più

Te la senti di mettere a tacere la fame con una corsa al reparto surgelati? Ricordati solo di mantenere l’idratazione, di inserire nella tua dieta molta frutta e verdura e di scegliere spuntini ricchi di sostanze nutritive come noci e semi al posto delle classiche patatine.

Vai alla scoperta del nostro Run Happy Blog, dove troverai piani di allenamento, aggiornamenti sugli articoli da corsa, storie ispirate dalla community podistica e molto altro ancora.

Etichette

DISCLAIMER: QUESTO ARTICOLO NON FORNISCE CONSULENZA MEDICA

Il contenuto di questo post è da intendersi solo a scopo informativo o educativo generale e non intende sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale. Chiedi sempre il parere del tuo medico o di un altro operatore sanitario qualificato per qualsiasi domanda tu possa avere in merito a una condizione medica o a un trattamento e prima di apportare modifiche alle tue routine di corsa, alimentazione, fitness o terapeutica.