caret-black caret-sm-black caret-sm-white checklist arrow-circle thumb_icon icon-questions bra-icon star star-half review-icon grid-view-icon list-view-icon circle-drag ] icon-checkmark-nocircle icon-envelope Left Arrow Right Arrow Scroll down Scroll down close Scroll down french-quote quote-marks squiggle german-quote Play Pause long squiggle squiggle 1 close filter-icon Info Compare Compare Selected Information
Storie di runner

Correre più forte nel 2021: Qualche riflessione

Un vassoio di frutta, verdure e cereali.

Cosa, quando, quanto e quanto spesso dovrebbe mangiare un runner? Non esiste una risposta magica, ma costruire un rapporto sano con il cibo è un buon inizio.

Prenditi cura del tuo corpo anche attraverso l’alimentazione, ma sii flessibile

Non c’è dubbio che una corretta alimentazione aiuti a preparare il corpo a una grande corsa. Ciò che scegliamo per nutrire il nostro corpo è importante, sia per le prestazioni che per la salute generale. Molti runner preferiscono bilanciare cereali integrali, proteine magre, verdura e frutta fresca. Molti runner professionisti consumano anche cibi con poco lattosio, bevande e dolcetti con poco zucchero e cibi poveri di grassi quando si allenano.

Plate with an egg and lunch meant on toast

Queste sono ottime opzioni per i runner, ma ricorda che l’alimentazione è qualcosa di individuale; abbiamo tutti corpi diversi ed esigenze diverse. In fondo, il cibo va di pari passo con la definizione degli obiettivi e l’allenamento.

Kelsey Thomas è la direttrice della sede di Seattle di The Emily Program, un’organizzazione riconosciuta a livello nazionale che fornisce trattamenti personalizzati per i disturbi alimentari ad adolescenti e adulti. Afferma che, sebbene gli atleti abbiano ragione a pensare all’alimentazione come a un carburante per il corpo, avverte che il cibo non dovrebbe definirli né come persone né come atleti.

“Gli atleti pensano al cibo come carburante, ovviamente. Ma una delle cose più importanti che gli atleti dovrebbero ricordare riguardo al cibo e all’alimentazione è la flessibilità. Il cibo fa parte della vita. Nutrirsi dovrebbe essere un piacere, dovrebbe essere divertente. A volte gli atleti si identificano completamente con il proprio sport, ma la vita è più di questo. Potresti aver voglia di assaggiare la torta del primo compleanno di tua nipote, senza nasconderlo. Quella torta condivisa in famiglia è una parte della tua vita e dopo qualche giorno dovresti poter guardare indietro senza sentirti in colpa per averla mangiata.

La conclusione? Il cibo e l’alimentazione non sono minacce alla tua forma fisica, ma ti offrono la possibilità di migliorarla.

Friends sitting at a table to eat together.

Cosa significa avere un rapporto sano con il cibo?

Jillian Lampert, chief strategy officer di The Emily Program, spiega che alla base di una relazione sana con il cibo ci sono bisogni e desideri, non paure, ansia o regole.

“Riceviamo influenze negative da ogni dove. Da un sito web su cui si condividono cinque semplici consigli per la dieta, da un opuscolo di un operatore sanitario che ci dice cosa dovremmo mangiare, o da uno spot commerciale che vende l’idea che i grassi facciano male e che assumerli faccia male,” afferma.

Secondo Lampert, spesso tessiamo insieme una raccolta di fonti che hanno lo scopo di insegnarci il modo corretto di mangiare. Il problema è che poi le scelte che facciamo si basano su fattori esterni piuttosto che interni.

Woman checking watch and having a banana for a snack.

Il Dr. Kyle Pfaffenbach, professore nel programma Health and Human Performance presso la Eastern Oregon University e consulente di Brooks Beasts, concorda sul fatto che una relazione sana con il cibo inizi da noi. Propone questi quattro semplici modi per aiutare a costruire una filosofia nutrizionale di base.

  1. Cibo e alimentazione non sono questioni da risolvere, padroneggiare, conquistare o perfezionare.
  2. Un rapporto sano con il cibo deve essere adattabile. Per i runner, questo significa respingere l’idea che ci siano cibi magici che funzioneranno per un allenamento o il giorno della gara. Avere una conoscenza di base dell’alimentazione e della produzione di energia può aiutare le persone a prendere decisioni e a non stressarsi nel caso in cui il cibo “perfetto” per la gara non fosse disponibile.
  3. Un’alimentazione più consapevole può aiutare a sviluppare una relazione sana con il cibo. Questo significa rallentare, masticare a lungo, esplorare le consistenze e i sapori a un livello profondo, riconoscere e pensare all’origine del cibo e al viaggio che ha compiuto prima di arrivare nel piatto. L’opposto del mangiare “senza consapevolezza”, potrebbe essere uno spuntino fatto per noia.
  4. Bisognerebbe godersi il cibo! Abbiamo la possibilità di accedere a un’ampia varietà di alimenti sicuri, sani e nutrienti provenienti da culture di tutto il mondo. È qualcosa di incredibile, che si dovrebbe apprezzare di più, rendendo il cibo un arricchimento per la nostra vita.

Se tu o qualcuno che conosci avete un rapporto malsano con il cibo o lottate con un disturbo alimentare, la National Eating Disorder Association è una risorsa eccellente.

Per maggiori informazioni su come migliorare le tue prestazioni nella corsa nel 2021, dai un’occhiata alle nostre storie intorno ai buoni propositi e alla forza mentale..