caret-black caret-sm-black caret-sm-white checklist arrow-circle thumb_icon icon-questions bra-icon star star-half review-icon grid-view-icon list-view-icon circle-drag ] icon-checkmark-nocircle icon-envelope Left Arrow Right Arrow Scroll down Scroll down close Scroll down french-quote quote-marks squiggle german-quote Play Pause long squiggle squiggle 1 close filter-icon Info Compare Compare Selected Information
Storie di runner

Nuovi percorsi con Jenny e Scott Jurek

Jenny e Scott Jurek

La coppia di ultramaratoneti condivide il modo in cui sono cresciuti insieme praticando questo sport, i loro consigli per portare i bambini all’aria aperta e i motivi che rendono la Cascadia 16 una scarpa da trail di ultima generazione.

Conosci i Jureks

Se ami il trail running, probabilmente avrai sentito parlare di Scott Jurek, uno degli ultramaratoneti più famosi e prolifici che abbia mai praticato questo sport. Scott ha vinto la Western States 100 Mile Endurance Run per sette anni di fila ed è arrivato primo riportando tempi sbalorditivi in alcune delle gare più impegnative al mondo, tra cui la Badwater Ultramarathon, The Spartathlon e molte altre. Nel 2015, ha stabilito un record completando l’Appalachian Trail, percorrendo oltre 3.500 chilometri in 46 giorni.

Quando non macina chilometri e non affronta dislivelli, Scott è un oratore oltre che autore e condivide insieme a sua moglie la fascia di capitano di una solida squadra familiare. Anche sua moglie Jenny è trail runner e ultramaratoneta. Quando non corre tra un sentiero e l’altro, Jenny disegna abbigliamento e attrezzatura outdoor; al momento si sta dedicando alla sua linea di abbigliamento sportivo dedicato alle giovani famiglie.

Abbiamo incontrato i coniugi Jureks per parlare di corsa, del ruolo dei genitori e dell’importanza di indossare una buona scarpa da trail.

Sul perché amino correre

Jenny: Per quanto riguarda me, correre è sinonimo di gioia, di salute e per me è una sana dose di equilibrio mentale. Può essere una fuga dalla pazzia. Mi fa davvero bene..

Scott: Siamo sulla stessa lunghezza d’onda. Il bello è che il motivo che ti spinge a correre può essere diverso ogni volta. A volte, per me, può essere qualcosa di impegnativo, in quel caso mi piace andare in posti profondi, bui e difficili da percorrere. Altre volte invece, scelgo semplicemente di uscire all’aperto a divertirmi. A volte, è una forma d’arte. Altre volte, è grinta, coraggio e dolore positivo. Penso che per entrambi correre sia il momento in cui ci sentiamo davvero vivi e siamo liberi di esprimere il meglio di noi stessi.

Una donna che corre
Un uomo che corre

Correre insieme

Ciò che conta veramente non sono le gare o le vittorie per fascia d’età, neppure i record collezionati. Nulla di tutto ciò. Ciò che più conta sono i momenti in cui ti immergi totalmente in ciò che accade sul sentiero. Quando lo condividi con qualcuno che ami, come il tuo partner, il divertimento sarà assicurato. È un ottimo modo per creare sintonia.

Scott Jurek

Jenny: È fantastico. Ci sentiamo di nuovo giovani. Quando abbiamo iniziato a frequentarci, mi sentivo sempre nervosa a correre con lui, invece lui è sempre stato molto disinvolto. Le persone amano correre con lui, perché le fa sentire davvero a proprio agio.

Scott: Penso che in molti credono che essere un runner professionista come me significhi correre sempre intensamente. Mi piace prendermi de momenti per me stesso, rallentare o fermarmi e guardarmi intorno. Perciò, quando corro con Jenny, non ho la sensazione di seguire un programma o di dover mantenere un certo ritmo.

Una donna e un uomo che corrono su un sentiero

Come uscire all’aperto con i bambini

Scott: Quando si esce all’aperto con i bambini, portare con sé degli snack è fondamentale, perché quando il livello di energia cala, le cose possono iniziare ad andare in fumo. A parte questo, non hai veramente bisogno di molto quando esci all’aperto con i tuoi figli. Lascia che trovino da soli cose con cui giocare, che si tratti di bastoni o rocce, oppure organizza loro una caccia al tesoro. Questo è il bello di vivere avventure all’aperto, non hai bisogno di molto.

Se vuoi che i tuoi figli facciano qualcosa, penso che la cosa migliore sia essergli da esempio. Sono stati con noi sui sentieri al buio. Ci hanno visto correre, andare in bicicletta, fare gare e partecipare ad eventi, di conseguenza anche loro vogliono correre e andare in bicicletta. Mentre sono ancora piccoli e influenzabili, cerchiamo di convincerli a fare le cose che amiamo fare.

Jenny Jurek
Fare stretching insieme
Un uomo e una donna che corrono su un sentiero insieme a due bambini

Cambiamenti avvenuti nel trail running nel corso degli anni

Scott: Questo sport è cresciuto in termini di popolarità nel corso degli anni, ciò che è rimasto invariato è la stessa semplice gioia di muoversi tra i boschi. Questo è ciò che rende il trail running così speciale e facilmente accessibile.

Jenny: Quindici anni fa, quando ho iniziato a correre per la prima volta, nel gruppo c’erano soprattutto uomini in età avanzata, ma anche diverse donne che ammiravo. È stato magnifico imparare da loro. Adesso, ci sono così tante donne che praticano trail running e vincono gare destreggiandosi tra sport, lavoro e vita familiare. È stimolante! Mi piacerebbe vedere più atlete sui media e avere più visibilità. Più donne parlano delle sfide che dobbiamo affrontare, meglio è. Penso che le corse di gruppo, i gruppi di ascolto e i ritiri per sole donne siano ottimi strumenti per creare gruppo ed essere veri e propri sistemi di supporto per le donne che amano il trail running.

Un uomo e una donna visti di lato che corrono nei boschi

Consigli sul trail running per neofiti

Scott: Non concentrarti sui chilometri percorsi, concentrati sul tempo. I chilometri corsi sui sentieri tendono a essere più lenti di quelli percorsi su strada, cerca dunque di porti degli obiettivi che evidenzino i tuoi progressi in termini di tempo e non di chilometri. Non preoccuparti di percorrere tratti camminando velocemente o facendo un misto di corsa e camminata. A seconda della superficie del sentiero e della tipologia di terreno, scegli tranquillamente se procedere correndo o camminando, almeno finché non avrai raggiunto una migliore forma fisica e un certo grado di esperienza.

Attrezzatura per mamme e famiglie

Jenny: Durante la mia carriera, ho avuto la fortuna di progettare prodotti di uso quotidiano che uso effettivamente all’aperto. Durante la mia gravidanza, ho progettato cose di cui avevo bisogno, ma che non riuscivo a trovare sul mercato. Credo che rimanere attivi durante la gravidanza aiuti la salute fisica e mentale, il mio obiettivo è quindi quello di progettare un’attrezzatura dedicata ai genitori in modo che continuino a fare ciò che amano.

Un uomo seduto a un tavolo da picnic insieme a due bambini, mentre una donna è in piedi accanto a un furgone

Cascadia

Le scarpe costituiscono il legame più stretto tra l’essere umano che corre e il sentiero o la strada. Rappresentano il punto di connessione in cui tutto può accadere. Quando ho iniziato a lavorare con Brooks nel 2004, mi ha incuriosito l’idea di dar vita a scarpe da trail di ultima generazione. Cascadia rappresentava un nuovo modo di pensare le scarpe da trail: era più neutra, permetteva un abbassamento del baricentro e non era una scarpa da strada creata dal tallone facevano tutti gli altri, all’epoca. Ha reso l’esperienza del trail running più semplice, sia per i principianti sia per chi come me stava ricercando prestazioni a un livello elevato. La caratteristica straordinaria di Cascadia 16 è che rende omaggio alla sua versione originale.

Scott Jurek

Jenny: Cascadia 16 sembra essere proprio ciò che fa per me: non è troppo rigida e neppure non troppo morbida. È il livello perfetto di flessibilità e ammortizzazione, pur assicurando protezione per i miei piedi sui terreni rocciosi. Ho i piedi larghi e tendo ad avere molte vesciche, ma la punta è bella e comoda. Anche il battistrada è ottimo! Ho appena percorso il Colorado trail per 65 chilometri indossando Cascadia e portando con me uno zaino. Mi sono sentita sicura nei movimenti su tutte le superfici.

Correre con Cascadia 16
Cascadia 16

A proposito di infortuni

Nota dell’editore: Scott Jurek ha iniziato a rincorrere il nuovo record di velocità sull’Appalachian Trail nell’agosto 2021, ma il settimo giorno ha dovuto rinunciare a seguito di un grave strappo muscolare al quadricipite.

“Nonostante l’allenamento e la preparazione, un infortunio di questa entità non mi permetteva di recuperare efficacemente sul terreno accidentato del Maine meridionale. È stato frustrante interrompere così presto la mia avventura, ma il rischio di insuccesso è direttamente proporzionale alle condizioni del percorso.”

Cascadia 16: è la scarpa giusta per te?

Cascadia 16 è ideale per i trail runner che amano avventurarsi su percorsi imprevedibili e sentirsi comunque protetti. La struttura della scarpa è progettata per adattarsi rapidamente al terreno e offrire così più stabilità e sicurezza ai runner. Le nuove caratteristiche includono la tecnologia DNA LOFT v2 per un’ammortizzazione più morbida e leggera, 2 mm in più di schiuma nell’intersuola per un maggiore comfort, scanalature di stacco nell’intersuola che consentono una migliore adattabilità sui terreni sconnessi e intagli verticali nel Ballistic Rock Shield per adattare l’appoggio anche lateralmente.

È il momento di correre sui sentieri! Scopri di più su come iniziare a praticare trail running con questi suggerimenti per principianti.

Cascadia 16