Icons caret-sm-white star-half circle-drag icon-checkmark-nocircle icon-envelope Left Arrow Scroll down Scroll down close Expand Scroll down quote-marks squiggle Play Play Pause Pause long squiggle squiggle 1 close filter-icon Info Compare Compare Selected Information Plus Icon Minus Icon Check Icon Check Icon

Spedizione gratuita per tutti gli ordini superiori a 75 €, e resi gratuiti.

Italia Bandiera Italia italiano Cambia
Come

Ecco cosa devi sapere sulla corsa con la neve

Runner su una strada innevata durante l’inverno.
Freccia in giù
Freccia in giù

Se non hai mai corso con il freddo prima, alla solo idea di farlo sulla neve potresti cacciarti a correre sul tapis roulant, in senso letterale e figurato. Se però non ne hai uno o, semplicemente, preferisci stare all’aperto, non temere; con le dovute precauzioni, puoi correre tranquillamente anche in caso di neve.

Ecco una serie di consigli utili per prepararsi a correre con il freddo.

Non inseguire la velocità a tutti i costi

La prima cosa da tenere a mente quando si corre sulla neve è rallentare. Non vorrai rischiare di scivolare, o ferirti addirittura, soprattutto se sotto quel bellissimo manto di soffice neve c’è del ghiaccio. I giorni in cui nevica non sono adatti agli allenamenti di velocità. Ti converrà adattare il tuo programma di allenamento di conseguenza.

Un po’ di trazione

La neve fresca è la scelta più sicura se vuoi provare a fare una corsetta. Ma se la tua intenzione è quella di correre sulla neve ghiacciata, è saggio investire in alcuni tacchetti per la trazione (che assomigliano a delle mini catene da neve per le scarpe) o in un paio di scarpe da trail running. I tacchetti potrebbero rallentarti, è vero, ma per una buona ragione; la sicurezza dovrebbe sempre venire prima di tutto. Potresti provare anche a chiedere al tuo negozio di corsa di fiducia di farti inserire dei tacchetti nelle scarpe per evitare di scivolare.

Runner su un sentiero innevato circondato da colline.

Vestiti in base al clima

Quanto all’abbigliamento, sarebbe saggio acquistare qualche capo invernale da corsa di qualità, in particolare calzini di lana o magliette e pantaloni realizzati con tessuti traspiranti, così da non prendere freddo quando inizi a sudare.

Vestiti a strati con maglie traspiranti e antivento, in modo strategico. Potrai sempre togliere qualcosa se sentirai caldo, ma nel caso in cui avessi di nuovo freddo, avresti uno strato da aggiungere. Inoltre, vestiti come se facesse molto più caldo di quanto non faccia in realtà (via quel parka). Ti riscalderai velocemente quando inizierai a correre. Se ti vestirai in maniera adeguata, l’aria frizzantina non ti creerà alcun problema.

Accessori come guanti e una fascia o un cappello per coprire le orecchie ti garantiranno tutto il comfort di cui hai bisogno. Anche gli scaldamani e gli scaldapiedi possono fare la differenza. Ti basterà infilarli nei guanti e nelle scarpe prima di iniziare la tua corsa al freddo.

Riscalda i muscoli e le articolazioni.

Non aver paura di andare piano, all’inizio. Esegui alcuni esercizi di stretching dinamico per caviglie, gambe e fianchi da fare a casa, al caldo, poi ripetili più velocemente una volta fuori. Quando si corre con la neve e in generale col freddo, per prevenire infortuni il riscaldamento è necessario. Probabilmente i primi 10 minuti ti sembreranno i più difficili, ma dopo dovresti sentire i piedi più leggeri.

Che sia la tua prima (o milleunesima) corsa sulla neve, non dimenticare di prenderti cura del tuo corpo come fai di solito: uno spuntino post-corsa e la giusta idratazione, fondamentale anche quando fa freddo. Ora non ti resta che uscire. Direzione? Il paese delle meraviglie d’inverno!

I consigli del nostro autore sono intesi solo per scopi informativi o educativi generali. Ti invitiamo a consultare sempre il tuo medico prima di apportare qualsiasi modifica relativa a corsa, alimentazione o routine di fitness.

Etichette
Scritto da
Emilia Benton

Autore contributor

Emilia Benton che corre

Sono di Houston, Texas, ho corso 11 maratone e qualcosa come 30 mezze maratone, con record personali di 3h:30’ e 1h:39’. Sono anche giornalista freelance che scrive di salute e fitness, running coach certificata USATF di livello 1, amo la musica country, cucinare dolci e viaggiare.